La Starch Solution speciale Italia

starch-solution.jpg

Finalmente, dopo anni di attesa  La Starch Solution del Dott. John McDougall è stato tradotto in Italiano e curato dalla nostra amica Barbara Sbrocca. Abbiamo conosciuto Barbara, La Starch Solution e il suo gruppo Facebook Vegetale e integrale  a base di amidi dedicato  in questa sua testimonianza, un anno fa.

Questa versione tutta Italiana del libro è unica in quanto ha decine di pagini di ricette inedite, infatti, Baraba ha cercato in tutti i modi di creare ricette appetitose partendo dalle nostre tradizioni culinarie.

COLAZIONE IDEALE: Fiocchi d’avena

“La rivoluzionaria dieta degli amidi che vi fa perdere peso e restare in forma, senza farvi perdere il piacere della buona tavola.

I carboidrati, a fasi alterne, sono il grande spauracchio dell’alimentazione: fanno ingrassare; rallentano il metabolismo; innalzano la glicemia; favoriscono diabete, obesità, malattie cardiache. Sbagliato! Basta scegliere quelli dell’amido, derivato da fonti integrali, come patate, cereali integrali, legumi e verdure amidacee.

ARTICOLO CORRELATO: Ketchup senza grassi ne zuccheri

barbara

Il dottor McDougall ha dimostrato che con un’alimentazione a base vegetale, in cui i carboidrati sono il «carburante» principale, possiamo perdere definitivamente peso, prevenire numerose malattie e curare i disturbi più comuni. Sentendoci sazi, pieni di energia e in ottima forma.

Basato sulla ricerca scientifica più recente, il programma del dottor McDougall, semplice da seguire, spiega quali cibi mangiare e quali evitare. Dopo aver provato e visto i risultati, migliaia di pazienti hanno scoperto che la Starch Solution è quella che cercavano per riconquistare la salute perduta ed essere veramente soddisfatti della propria immagine allo specchio.

L’edizione speciale Italia, curata da Barbara Sbrocca, propone anche 100 ricette per seguire la dieta McDougall, nel rispetto della tradizione gastronomica italiana.”

Ecco una piccola intervista a Barabara per capire meglio il Suo percorso.

Come hai scoperto al Starch Solution?

Ho scoperto la starch grazie ai tanti documentari sulla allimentazione plant based che ho visto. In uno di quelli (mi pare fosse Forks over knives, c’era McDougall che parlava, oltre a Campbell e ad Esselstyn. Ho fatto ricerche su McDougall e ho scoperto la Starch.

Quali sono state le difficoltà iniziali?

La difficoltà iniziale maggiore è stata pensare di mangiare le insalate senza poterle condire con l’olio. Trovare alternative è stata la prima sfida.

Come hai sviluppato le tue ricette?

Le mie ricette le ho sviluppate pensando di far passare alcune idee e tecniche di base, che poi le persone possono applicare variando gli ingredienti. Sono partita “starchizzando” ricette classiche e i piatti che ho sempre amato. Volevo un ricettario che fosse un mix tra piatti di facile esecuzione e piatti insoliti ma sempre molto gustosi. Ho dato particolare rilievo ai dolci (anche se nella starch se ne mangiano di rado) perché molte persone dicono di avere difficoltà a pensare a dolci sena grassi. Insomma volevo creare un insieme di ricette che permettesse a chi legge di imparare alcuni trucchi di esecuzione e di abbinamento di profui, per poi modificare la ricetta a proprio gusto.

barbara1

RICETTA GUSTOSA: Falafel

 

                                                                                            ORDINATE LA VOSTRA COPIA QUI

 

*Foto di Barbara Sbrocca

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *