Viva l’aceto!

aceto.jpg

Adoro l’aceto ed è uno dei pochi prodotti che compro in grandi quantità al supermercato. Non deve essere di alta qualità e può costare poco. L’uso dell’aceto in casa e in giardino è eccezionale e se non lo fate ancora sono sicura che inizierete ad eliminare molto prodotti chimici e li sostituirete con l’aceto! Se invece già lo usate sono sicura che vi sorprenderò con tutti questi usi versatili!

Aceto in giardino:
Spruzzatelo puro sulle erbacee, il giorno dopo saranno morti. Se non volete l’erba sui vialetti potete spruzzarlo puro sopra e verrà eliminato.
Aumentate l’acidità del terreno, dove l’acqua risulta dura  aggiungete 1 tazza di aceto diluito in 4 litri d’acqua. (è una miscela ideale per piante come azalee, rododendri e gardenie)
Se avete dei fiori freschi in casa aggiungete 2 cucchiai di aceto e 1 cucchiaino di zucchero per ogni quarto d’acqua nel vaso.
Pulisci le mani con l’aceto dopo aver fatto giardinaggio, così da evitare che diventino ruvide.
Lava i vasi da giardino con l’aceto prima di riusarli.
E’ ideale per attenuare le punture d’api ma anche di meduse.
Attenuate il prurito delle punture di zanzare usando l’aceto pure con un batuffolo di cotone. (poi mettetelo nell’umido)

 

ARTICOLO CORRELATI: Pulire il forno naturalmente

Machina e utensili:
Togliere la ruggine da attrezzi ma anche da chiodi ed altro mettendoli in aceto puro durante la notte.
Pulite le cromature della macchina o della bici.
L’aceto è ottimo per pulire i vetri della macchina ed è anche un ottimo anti gelo, usate l’aceto diluito la sera prima.

Bellezza:

L’aceto può essere applicato sulla pelle come anti zanzara. (migliorate l’odore mettendo olio essenziale di lavanda oppure mettete direttamente i fiori dentro)
L’aceto è ottimo sulle scottature da sole
Diluite l’aceto per applicarlo sui capelli dopo lo shampoo poi risciacquate  donerà dei riflessi chiari e lucentezza.
Combattete la forfora facendo un lavaggio con aceto diluito in acqua calda e risciacquate.
Usatelo sui capelli contro i pidocchi volendo con delle gocce di olio essenziale di Tea Tree.
L’aceto è ottimo contro il mal di gola, basterà fare dei gargarismi con acqua e aceto per disinfettare gola e bocca.
L’aceto di mele insieme al miele sono ottimi contro i raffreddori. Mischiateli insieme mettendo la stessa quantità  50ml e prendetene 8/10 cucchiai durante la giornata.

Per il bucato ed i vestiti:

Usate l’aceto in lavatrice al posto dell’ammorbidente, aiuta contro l’infeltrimento maglioni, ne bastano 100ml ad ogni lavaggio nella vaschetta specifica.
Usatelo per pulire la lavatrice, una volta al mese mettete 250ml nell’oblò e fate un lavaggio senza panni per pulire il tutto.
Funziona pure come anti macchia sui vestiti prima del lavaggio (marmellata, grasso, caffè…)
Aggiungetelo nell’ultimo risciacquo quando lavate a mano (toglie cattivi odori)
Pulite il ferro da stiro mettendo la stessa quantità di acqua e aceto e azionate il vapore, così i buchi si ripuliscono del calcare.
Togliete macchie di bruciato dal ferro da stiro scaldando aceto e sale in parti uguali in un pentolino e pulite la parte bruciata del ferro finché non sparisce.

Insetti ed animali:

E’ ottimo per pulire le lettiere dei gatti.
L’acquario si pulisce ottimamente con un panno e aceto.
L’aceto può essere un buon deterrente contro le formiche, spruzzatelo intorno a finestre e porte.
Ma è anche ottimo messo nell’acqua delle galline cosi non si beccano a vicenda.

In cucina:

Usatelo come brillantante nella lavastoviglie.
Per sgrassare il forno o per eliminare l’eventuale odore di cibo o di bruciato, si può pulire il tutto con una spugna imbevuta di acqua e aceto.
L’aceto è ottimo per pulire il rame mischiando sale e aceto.
Pulite le tubature e gli scarichi dei lavandini con 1 tazza di aceto e una manciata di bicarbonato e aggiungete acqua bollente.
Togliete cattivi odori dalle mani dopo aver tagliato cipolle o pulito il pesce, usandolo puro sulle mani.
Disinfettate i taglieri di legno dopo l’uso.
Scaldate acqua e aceto e pulite la teiera e le tazze dalle macchie di tè.
Pulite i secchi della spazzatura per togliere i cattivi odori.
Mischiare l’aceto con l’acqua e pulire il frigo, disinfetta e toglie i cattivi odori.
Pulire l’acciaio con acqua calda e aceto, pulisce e non lascia aloni.
Fate bollire un cucchiaio di aceto nel bollitore per togliere il calcare.
Pulite rubinetti e lavandini e ripiani della cucina mettendo aceto e acqua in uno spruzzino.(NON usare sul marmo)
Pulite ogni bottiglia o contenitore con residui di grasso come olio o burro.
Aceto, limone e sale fanno un ottimo detergente per lavare i piatti.
Pulite il piano gas mettendo aceto puro o diluito, lasciate agire, passate con una spazzola e togliete il tutto con un panno.

Al bagno:

Una miscela di aceto e acqua in parti uguali in uno spruzzino disinfetterà i bagni, le rubinetterie ma anche i pavimenti.
Usatelo per pulire la vasca, la doccia, gli specchi e i vetri (anche della doccia) toglierà il calcare ed i residui di sapone.
Nel WC lasciatelo agire per tutta la notte, toglierà cattivi odori, macchie e calcare. La mattina seguente strofinate bene.
Pulite i scarichi come in cucina una volta al mese con bicarbonato, aceto e acqua calda.
Per eliminare la muffa presente sulle piastrelle del bagno o sulla tenda della doccia, pulire con una spugna morbida e lo spruzzino all’acqua e aceto                                                                  
Usi vari:
L’aceto è ottimo per pulire le finestre.
Pulite a fondo i vostri occhiali da vista o da sole con un panno morbido.
Pulite i pennelli dopo aver dipinto lasciandoli in un bicchiere con aceto, dopo che sarà pulito risciacquare  e asciugare.
L’aceto è ottimo per togliere residui di adesivi dai mobili o dalle macchine.
Deodorare l’aria con aceto ed olii essenziali toglierà ogni cattivo odore.

LEGGI ANCHE: Detergente spray multiuso fai da te

Ecco oltre 50 usi con l’aceto, perciò iniziate a fare una bella scorta ed eliminate tutti i prodotti chimici che avete ancora in casa. L’aceto è poco costoso ed è 100% naturale! Se conoscete altri usi, fateci sapere che le aggiungiamo alla lista! Buona pulizia a tutti!

 

 

21 thoughts on “Viva l’aceto!”

  1. Soly ha detto:

    Ciao!
    vorrei provare a lavare il bagno in modo eco..ti volevo chiedere,ma che tipo di aceto è piu indicato?bianco,rosso o quello di mele?
    il conposto di acqua e aceto và prima fatto bollire?
    grazie mille

  2. determinata ha detto:

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

  3. determinata ha detto:

    … cara Emma, sei una fonte inesauribile di suggerimenti per l’uso dell’aceto… io lo utilizzo da anni (anche per pulire i filtrini dei rubinetti è magico), ma devo confessarti che ne ignoravo alcuni usi … Grazie, come sempre 😀

  4. Jessica ha detto:

    Io lo utilizzo sempre per pulire il bagno e i vetri. Alle volte anche per spolverare e pulire i mobili e per lavare i pavimenti. Sicuramente lo proverò anche per tutti gli altri usi che hai suggerito. Grazie mille 😉

  5. Marco Casucci ha detto:

    Per lavatrice e lavastoviglie, meglio usare l’acido citrico diluito in acqua. Costa poco, è facile da trovare (su Ebay, ad esempio), ha un impatto ambientale 9 volte inferiore rispetto all’aceto, non corrode gli elettrodomestici, non libera nickel quando usato sull’acciaio….

    E anche l’acido citrico ha mille usi… ho provato a raccoglierne un po’ in un documento che ho condiviso con i miei amici… se vi interessa lo trovate qui: https://dl.dropbox.com/u/13211946/Acido%20citrico.pdf

    Chi fosse interessato ad approfondire il tema, troverà molte info sul forum del BioDizionario http://forum.promiseland.it/viewforum.php?f=2&sid=eb4e68855d6dd5893c1f570b527dc760

    Ciao!

  6. Corinne ha detto:

    Da moglie di chi lavora per una multinazionale di elettrodomestici posso confermare che usare l’aceto per pulire lavatrice e lavastoviglie è altamente dannoso. corrode le resistenze e secca le guarnizioni.
    Piuttosto usate il filltrino magnetico per fermare il calcare e fare lavaggi a vuoto a 90° con bicarbonato. è più economico, dato che non dovrete pagare il tecnico per la sostituzione dei pezzi danneggiati, che non passeranno in garanzia nemmeno dopo 10gg dall’acquisto.

    1. Marco Casucci ha detto:

      Con l’acido citrico non ci sono problemi nè di corrosione nè di calcare 🙂
      Senza contare quante bottiglie di vetro si possono risparmiare…

    2. Corinne ha detto:

      Anche l’acido citrico corrode la resistenza e secca le guarnizioni, in più toglie lo smalto e la protezione antiruggine. Se non ti fidi chiama pure il centro assistenza 199.199.199 e ti diranno quali danni provocano e il motivo per cui poi l’elettrodomestico non sarà più in garanzia per incuria del cliente.

    3. Marco Casucci ha detto:

      Grazie Corinne,
      la posizione di HotPoint è evidentemente diversa da quella del chimico Fabrizio Zago, ormai il mio guru in materia 🙂

      Si veda ad esempio qui: http://www.deabyday.tv/ecologia-e-ambiente/video/438/Video-guida-ecologica–bucato-perfetto-rispettando-l-ambiente.html (minuto 3:40)

      Oppure ancora, qui http://tinyurl.com/89mdfyt quando Fabrizio dice:
      “Penso che la prova pratica sia la migliore da fare. Io ho preso due macchine lavatrici, in una ho usato acido citrico ed in un’altra dell’aceto. Ho poi raccolto le acque in uscita e ne ho controllato la quantità di metalli pesanti. Nella prima macchina la quantità di metalli era talmente bassa da non essere rilevabile. Nella seconda di molte decine di milligrammi.”

      In ogni caso, per il discorso della garanzia, in che modo possono dimostrare che ho usato aceto o acido citrico? Allora dovrebbero vietare di lavare capi sporchi di aceto, no?

    4. Corinne ha detto:

      se ne accorgerebbero appunto dalla condizione di resistenza e guarnizioni. Comunque ognuno è libero di usare a casa propria ciò che desidera e con cui si trova meglio. Detto questo poi ognuno se la vede con la propria garanzia.
      ps: è naturale che un capo sporco d’aceto non andrà a creare danni, ma un uso continuo e massiccio, come proprio per la pulizia della lavatrice… quello decisamente sì. 🙂 Buona giornata!

    5. Marco Casucci ha detto:

      Ciao Corinne,
      se permetti insisto…
      nessuno qui ha consigliato “un uso e massiccio” dell’acido citrico “per la pulizia della lavatrice”.
      Al contrario, si propone di usarlo al posto dell’ammorbidente, ad ogni lavaggio. Tanto per fare un esempio, io uso ad ogni lavaggio circa 100 ml di soluzione di acido citrico al 15% al posto dell’ammorbidente.
      Immagina che la stessa acidità sia contenuta nei capi sporchi ad ogni lavaggio. E’ possibile, basta che ci siano macchie di aceto, di limone, di altra frutta contenente acido citrico. Cosa potrebbe dire la casa costruttrice in merito?
      Se come dici tu “un capo sporco d’aceto non andrà a creare danni”, nemmeno 100ml di soluzione di acido citrico (in acqua fredda, peraltro, ovvero nella condizione meno deleteria per i metalli e le guarnizioni) potranno farne.
      Ciao!

  7. LaVerità ha detto:

    Corinne ha perfettamente ragione. Il signor chimico che fa la prova dimostra di non sapere che prova fare. Punto uno io non mi prenderei mai la responsabilità di dire ad una casalinga di usare aceto o limone ne in lvb ne in lvs. Punto uno qualsiasi acido che si ferma su una resistenza la corrode ( senno non si chiamarebbe acido ma dolce … ). Per di piu quando io lavo una maglietta intrinsa di aceto uso il sapone giusto ? il sapone porta via l’aceto o il limone ( mi chiedo se il signor chimico di cui sopra condisca anche l’insalata nella sua lvb ) . Perciò puo provare quell oche vuole ma non pianga se poi dopo due anni si ritrova con resistenza morta e inveisce contro chi costruisce prodotti. Ha molto più senso usare un decalcificatone magnetico o a sali ( S.ra Corinne ascolti suo marito mi sembra molto più informato in materia ) e poi il bicarbonato. Adrittura mi sembra che ultimamente sia Hotpoint che Bosh stiano usando, per i top di gamma resistenze in titanio sulle quali il calcare non attacca. Aggiungo poi che gl iacidi danneggiano le guarnizioni perche le “seccano”. Chiamate i vari numeri verdi delle aziende e vi spiego il motivo: loro hano interesse che non vi si rompa una resistenza perche magari non si metteranno a disquisire se avete voi mangiato la resistenza ma gli costa molto cambiare in garanzia e sicuramente vi danno il consiglio migliore per farvi durare il prodotto considerando anche che oggi come oggi vendono anche exg che durano minimo 5 anni ed è nel loro interesse che il prodotto non si rompa. Ps: attenzione ai maghi che inventano cose del genere !! Aggiungo un consigli se mettete limone o aceto al posto del brillantante nelle lvs si blocca il sistema e li si che vi fanno pagare !!

    1. Marco Casucci ha detto:

      Saluti alla Verità!

      Chideo lumi su una frase:
      “Il signor chimico che fa la prova dimostra di non sapere che prova fare.”
      Cosa significa?

      Il resto del tuo messaggio sono opinioni e insulti, non riportano fatti/test/prove ecc, e come tali vanno presi.

    2. Marco Casucci ha detto:

      Ecco la risposta di Fabrizio Zago:

      E’ il “signor chimico” che interviene per dire che Marco non ha riportato completamente quello che ho scritto. Quindi intervengo direttamente. Da molti anni faccio test sia su lavatrici che su lavastoviglie. Alcune marche citate da voi (io non lo faccio mai) sono nostre clienti e le abbiamo qui a disposizione. Io sostengo che posso dimostrare che l’acido acetico è molto più corrosivo che il citrico. Posso dimostrare che l’acetico è 53 volte più inquinante del citrico.
      Sono assolutamente disponibile a mettere a disposizione il mio laboratorio a chi volesse fare queste verifiche (comprese la secchezza delle guarnizioni eccetera) se ho ragione io pagate voi, se avete ragione voi pago io. Rimango in attesa di fissare l’appuntamento.
      Saluti
      Fabrizio Zago

  8. Corinne ha detto:

    Okay, non volevo sollevare un polverone, dicevo solo che, dato che nell’articolo si consiglia di fare un lavaggio a vuoto solo con aceto, questo decisamente rovina la macchina! Non si tratta di una minima dose di acido (aceto o citrico) come se fosse quella di una macchia, ma di acido puro!

  9. dokhtare_italiai ha detto:

    Emma, un appunto puramente ortografico: potresti gentilmente correggere tutti gli articoli davanti alle parole che iniziano cn ‘s’ impura? I scarichi, i specchi etc. nn si possono poprio leggere! grazie

  10. Gino Giano ha detto:

    Scusate, se l’aceto è un acido come può giovare alle scottature? Sono un sanitario…

  11. Caterina Zanini ha detto:

    interessantissimo quello che hai detto però leggevo su altre fonti che non è detto che sia naturale per tanti prodotti contraffatti che usano acido acetico+acqua. ecologico però no: inquina 5 volte più dell’acido lattico e 54 più dell’acido citrico; e’ corrosivo per i metalli, anche l’inox e quindi lo può intaccare liberando vari metalli tra cui nichel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *